10% di sconto su tutti i prodotti per altri -25 giorni, -23h, -16min, -15s  Scopri

Shopping cart
0,00€

Restaurare un’auto d’epoca: consigli utili

FIAT 500 UTILE

Le auto d’epoca rappresentano un’affascinante settore del mercato destinato agli appassionati dove occorre muoversi in maniera specifica.

Il mondo delle auto d’poca oggi più che mai avvicina molti appassionanti il cui sogno è possedere un’auto abbastanza datata ma perfettamente marciante. Le condizioni del mercato sono diverse a seconda del punto di vista e variano in funzione di quelli che sono gli obbiettivi che si vogliono raggiungere.

Esistono auto d’epoca già perfettamente restaurate e auto da restaurare che mettono in gioco il settore dei ricambi e degli accessori da recuperare per arrivare allo scopo finale di riportare all’antico splendore il mezzo.

Auto d’epoca in vendita

Diversamente da quanto si possa pensare il mercato delle auto d’epoca già restaurate in vendita è molto florido e attira l’attenzione di molti appassionati che magari non desiderano cimentarsi nel restauro vero e proprio ma godere solamente del prodotto finito in tutta la sua bellezza.

Ragionare sui prezzi potrebbe essere abbastanza fuorviante anche se le stime in questo senso sono parecchio alte. Volendo approntare un esempio pratico, un Maggiolone restaurato e perfettamente marciante pronto per andare a fare un giro sfiora le 17.000,00 euro in determinati casi.

Ovviamente la valutazione dei costi di acquisto diventa un fattore estremamente personale se si considera magari la rarità della vettura che si sta cercando o la voglia personale di entrarne in possesso (oltre che la disponibilità economica).
Il dato fondamentale da considerare è che non si tratta di auto da poter utilizzare tutti i giorni (anche se molti lo fanno), si tratta di auto per così dire ‘della domenica’, auto da tenere al riparo in garage e utilizzare per qualche giro o principalmente per raduni.
Sono infatti molti i club di appassionati che si riuniscono e organizzano eventi a base automobilistica (ma anche motociclistica); per i possessori diventano occasioni di riunione e di confronto con altri appassionati del genere. Anche in questo senso il movimento in Italia è abbastanza florido.
Ma oltre alla grande schiera di appassionati che acquista auto d’epoca per puro piacere personale vi è anche chi lo fa per spirito agonistico, sono infatti molte le gare dedicate alle auto datate che appassionano un numero sempre crescente di persone.
A fianco di chi acquista auto d’epoca già restaurate, vi è una grande folla di soggetti che preferisce restaurarle.

Auto d’epoca da restaurare

Il mercato delle auto da restaurare è al pari molto florido e può contare su numerosi appassionati e addetti ai lavori.
In questo senso rivestono un ruolo molto importante le mostre mercato, che riuniscono gli appassionati in eventi dove è possibile vendere e comprare qualsiasi cosa riguardante le auto di qualche anno fa.
Non solo auto intere quindi, anche pezzi di ricambio e accessori che talvolta si rivelano introvabili, vengono comprati e venduti in ogni occasione.
L’impegno di acquistare un’auto da restaurare presuppone la riflessione e magari la competenza di potersi approcciare a un lavoro che talvolta si può rivelare anche lungo e difficile.

Come restaurare auto d’epoca

Ma una volta acquistata un’auto da restaurare quali sono i passi da compiere per poterla riportare agli anni d’oro e farla sfrecciare lucidata a tiro per le strade?
La prima cosa da considerare quando ci si vuole approcciare al restauro di un’auto d’epoca è lo stato del motore. Rimane difficile pensare di trovare una vettura con un motore perfettamente funzionante a meno che non sia già stato effettuato il restauro.
Quindi il propulsore sarà sicuramente da sistemare per funzionare bene. L’argomento si complica quando è necessario reperire pezzi rari o introvabili. Una delle soluzioni migliori in questo caso è valutare la compatibilità di altri ricambi o fare una ricerca su quale altro modello di auto degli stessi anni montava pezzi compatibili.

In questo senso la tecnologia può dare una grossa mano e internet è in prima linea. Esistono non solo numerosi siti di compravendita di ricambi e accessori per le auto con qualche anno in più, ma esistono anche numerosi forum dove gli appassionati possono ritrovarsi virtualmente e discutere di qualsiasi argomento inerente alle auto.

Gli annunci privati poi, si rivelano una fonte abbastanza importante di approvvigionamento di qualsiasi ricambio o accessorio inerente il restauro di un’auto d’epoca. Non sono mai da sottovalutare e dentro qualche annuncio si può nascondere proprio ciò di cui si necessita.
In molti casi si deve scendere a compromessi e valutare qualche modifica rispetto alle condizioni originali dettata dalla difficoltà di reperimento di determinate parti; questo si scontra con quella parte di filosofia più purista del restauro che vuole solo parti originali in fase di lavorazione.
In casi estremi si può valutare di cambiare l’intero motore se questo non si presenta in condizioni ottimali al recupero e talvolta si rivela una delle scelte vincenti che si possono fare.
Bisogna valutare bene poi se il lavoro di restauro è possibile farlo da soli o affidarsi a dei professionisti del settore. Rimane chiaro che i costi per l’operazione lieviteranno parecchio ma si avrà la garanzia di un risultato finale ottimale.

Quando è possibile svolgere da soli il lavoro di restauro di un’auto d’epoca?
Sicuramente in quei casi meno gravi per cui non sono necessari interventi profondi al motore, all’assetto o su altre parti che necessitano di attrezzatura professionale, una su tutti il ponte per sollevare l’auto.

Ma il restauro, quanto costa? Questa è una di quelle difficili domande a cui trovare una risposta adeguata.

Il restauro ha costi assolutamente variabili che dipendono da numerosi punti di vista e dallo stato dell’auto al via dei lavori.
Un’auto che non necessita di alcun intervento alla carrozzeria, ma solo di una sistemata al motore e poco altro negli interni sicuramente comporterà costi minori rispetto a un modello magari da trattare nella carrozzeria e riverniciare per intero.

Cosa che influenza tantissimo il costo del restauro di un’auto sono la sua marca e il suo modello, da loro dipendono i costi dei pezzi necessari, quanto più un modello sarà raro e particolare tanto più i ricambi saliranno di prezzo e, nello stesso tempo, diventeranno anche più rari da recuperare.

Fonte: www.motori.quotidiano.it

News

Rilascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Auto d’epoca e auto storiche: differenze e agevolazioni
Articolo successivo
Il nostro nuovo Volantino pubblicitario